HOME
NEWS
LINKS
CONTATTACI
EVENTI
INSIEME PER PROTEGGERE
DALLA SOFFERENZA

Lo Statuto

Patrimonio ed esercizi sociali

Art.4
Il patrimonio dell’Associazione è costituito dai beni mobili ed immobili conferiti all’atto della costituzione e successive integrazioni e variazioni.
Il patrimonio potrà essere incrementato con:
- acquisti, lasciti e donazioni di beni mobili ed immobili pervenuti all’Ente a titolo di incremento del patrimonio,
- lasciti e donazioni con destinazione vincolata,
- sopravvenienze attive non utilizzate per il conseguimento degli scopi istituzionali.
E’ comunque fatto salvo l’obbligo di provvedere alla conservazione e al mantenimento del patrimonio.
L’Associazione persegue i propri scopi mediante l’utilizzo di:
a) quote associative
b) rendite patrimoniali
c) contributi di persone fisiche e giuridiche sia pubbliche che private
d) proventi, lasciti e donazioni non destinati ad incrementare il patrimonio
e) rette ed entrate derivanti dall’erogazione di servizi e prestazioni.
Gli utili o gli avanzi di gestione devono essere impiegati per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.
E’ vietata la distribuzione in qualsiasi forma, anche indiretta, di utili e avanzi di gestione nonché di fondi, riserve o capitale durante la vita dell’organizzazione, salvo che nei casi imposti o consentiti dalla legge e comunque nel rispetto dell’Art.10,
6° comma del D.Lgs. 4.12.1997 n° 460.

Art.5
L’esercizio finanziario ha inizio il 1° gennaio e chiude il 31 dicembre di ogni anno. Entro 3 mesi dalla chiusura di ogni esercizio deve essere redatto dal Consiglio di amministrazione il bilancio o rendiconto annuale secondo quanto previsto dal D.Lgs. 4.12.1997 n° 460.



Torna alla lista degli articoli